Menu
  • fb
  • flc
  • you
  • flc
A+ A A-

Docufilm "Non più, non ancora" , proiezione a Montemarciano

L'originale documentario, che affronta temi e problematiche della preadolescenza, a partire dalle voci dei tanti ragazzi intervistati, sarà proiettato al teatro Alfieri giovedì 9 maggio alle ore 17,00: seguirà dibattito con la pedagogista ideatrice della pellicola Mariagrazia Contini

MONTEMARCIANO (An) - Riflettori accesi sulla preadolescenza, partendo da un originale docufilm che ha conquistato la ribalta nazionale e sta girando l'Italia. Dopo Torino, Bologna, Lecce, arriva anche nelle Marche la proiezione di "NON più, NON ancora - Narrazioni preadolescenti" in programma al teatro Alfieri di Montemarciano, giovedì 9 maggio alle ore 17,00, in un evento promosso dall'Osservatorio Infanzia e Adolescenza di Montemarciano (Os.I.A.Mo.), con l'Assessorato comunale alla Cultura e le associazioni del territorio, come Coordinamento solidarietà e autosviluppo onlus, con diversi patrocini, tra cui quello dell'Ombudsman regionale.

Alla proiezione seguirà incontro-dibattito con la pedagogista Mariagrazia Contini, autrice del documentario con i registi Paolo Marzoni e Vito Palmieri, sulle problematiche della preadolescenza, a partire appunto dalle narrazioni dei tanti ragazzi intervistati. In "NON più, NON ancora" infatti, ben 123 ragazzi e ragazze dagli 11 ai 14 anni, di tutta Italia, intervistati, si sono raccontati offrendo il loro sguardo su amore, amicizia, bullismo, scuola, famiglia, internet, sogni e paure.

"Non più, non ancora" narra vite di preadolescenti, con tutte le difficoltà di mettersi in loro ascolto da parte della generazione adulta.

"Non mi sento più bambina, ma non mi sento nemmeno grande". E' la questione posta da una ragazzina di dodici anni. "Chi l'ha già passato dice che è un periodo bellissimo, chi lo sta passando non è per nulla d'accordo" le fa eco una coetanea, nel documentario, che Mariagrazia Contini ha realizzato insieme a Paolo Marzoni e a Vito Palmieri, prodotto da Beppe Caschetto di Ibc.

Il lavoro è il risultato di un viaggio di due anni, da nord a sud, che ha portato a incontrare oltre cento giovanissimi. Ne è derivato un ritratto inaspettato di quell'età spesso definita acerba. "Tutti la considerano un periodo di passaggio, terribile. - spiega Contini - E così generalizzando si tende a liquidarla. E invece loro ci sono, esistono. Ho avuto il desiderio di capirli e interpretarli, ho dedicato un'ora ciascuno, ne ho scoperto la complessità, le caratteristiche di questo tempo storico, dalla paura del terrorismo a quella di essere troppo fragili in un'epoca che impone di esser forti"."Li vedi allora piangere, ridere, emozionarsi. Ripetere più volte la parola solitudine. Gli adulti non ci sono. Non tanto nelle immagini, ma nelle vite. E se ci sono, sono inadeguati" sono le considerazioni della pedagogista.

L'evento, al quale interverranno anche rappresentanti degli enti patrocinanti, è aperto a tutti e rivolto in particolare a insegnanti, genitori, educatori, psicologi, allenatori. La partecipazione è gratuita, ma è obbligatoria la prenotazione on line su eventbrite (link https://www.eventbrite.it/e/biglietti-non-piu-non-ancora-montemarciano-an-59800246146).

A chi farà richiesta, sarà rilasciato attestato di partecipazione.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui