Menu
  • fb
  • flc
  • you
  • flc
A+ A A-

Riforma Terzo settore: convegno di Uneba Marche a Senigallia

Si tiene a Senigallia, il 19 ottobre, il convegno "La Riforma del Terzo Settore: sviluppi e ripercussioni su organizzazioni e territori" organizzato da Federazione Uneba Marche. Tra gli interventi del pomeriggio è previsto anche quello del Presidente del CSV Marche Simone Bucchi.

Riforma del Terzo settore e welfare sociosanitario nella regione. Sono questi i fronti toccati dalla Federazione Uneba Marche nel convegno organizzato per il 19 di ottobre dalle ore 15:00 alle ore 18:30, a Senigallia (Palazzetto Baviera, Piazza del Duca 1). Con l'intervento di esperti nazionali esperti nazionali in relazione agli aspetti normativi, fiscali e commerciali dei decreti e delle novità arrivate durante l'estate.
Uneba – come si legge nel comunicato dell'associazione - è la più longeva e rappresentativa associazione di categoria del settore educativo, sociosanitario e assistenziale in Italia, con centinaia di associati, quasi tutti non profit.Ne fanno parte enti, istituzioni, associazioni, fondazioni, imprese sociali ed altre realtà che operano nel campo sociale, socio-sanitario ed educativo degli interventi e dei servizi alla persona. La Federazione Uneba Marche rappresenta, in questa sua prima fase di avvio, quindici organizzazioni erogatrici di servizi rivolti alla cura di anziani non autosufficienti, minori fuori della famiglia e dei soggetti fragili. Gli enti gestori di Uneba contano circa 700 lavoratori e quasi 1500 ospiti.

La partecipazione all'evento è aperta e non prevede termini di iscrizione. L'invito è rivolto ad esperti fiscalisti, commercialisti, avvocati, all'ordine degli assistenti sociali* e più in generale a chi lavora in ambito sociosanitario e/o nel Terzo settore.

Maggiori informazioni e programma della giornata nella pagina dedicata del sito di Uneba

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui