Menu
  • fb
  • flc
  • you
  • flc
A+ A A-

Lotta alla sclerodermia, torna la "Giornata del ciclamino"

Tra fine settembre e primi di ottobre, i volontari del Gils onlus (Gruppo italiano lotta alla sclerodermia) saranno anche in diverse piazze e ospedali marchigiani, con le piantine di ciclamino, per informare e raccogliere fondi per la ricerca su questa patologia rara. Il 28 settembre, agli ospedali Riuniti di Ancona e al Profili di Fabriano anche una mattinata di controlli gratuiti

ANCONA – Quanti sanno cos'è la sclerodermia? Trattandosi di una malattia rara, probabilmente in pochi, eppure riconoscerne i primi sintomi e arrivare a una diagnosi precoce può fare la differenza nella lotta alla patologia. Ecco perché, a fine settembre, torna anche quest'anno la campagna nazionale "Giornate del ciclamino contro la sclerodermia" promossa dal Gils onlus (Gruppo italiano lotta alla sclerodermia), proprio per informare sulla malattia, cronica e invalidante, raccogliere fondi per la ricerca, offrendo piante di ciclamino a quanti vorranno contribuire, e fare diagnosi precoce, grazie al supporto di personale medico esperto a disposizione per visite gratuite.

Il Gils onlus, che ha sede nazionale a Milano e opera in diversi ospedali italiani, ha un gruppo attivo anche nelle Marche, i cui volontari allestiranno spazi informativi con le piantine, in numerose località della regione, tra piazze e presidi ospedalieri: domenica 23 settembre ad Ascoli Piceno in piazza Arringo (zona duomo), dalle ore 8,30 alle 18, e a Matelica (Mc), davanti alla parrocchia Regina Pacis, dalle 8,30 alle 13; lunedì 24 e martedì 25 settembre, a San Benedetto del Tronto (Ap), nell'atrio principale dell'ospedale Madonna del Soccorso, dalle 8,30 alle 15; giovedì 27 settembre, a Stella di Monsampolo (Ap), davanti al supermercato Conad, dalle ore 8,30 alle 13; venerdì 28 e sabato 29 settembre, in Ancona, nell'atrio principale degli Ospedali Riuniti a Torrette, dalle 8,30 alle 15; sabato 29 settembre, a Jesi (An), nell'atrio principale dell'ospedale Carlo Urbani, dalle 9 alle 15; l'1 e 2 ottobre, a Fabriano (An), nell'atrio principale dell'ospedale Profili, dalle 8,30 alle 16,30; il 4 ottobre, a Centobuchi di Monteprandone (Ap), davanti al supermercato Tigre, dalle ore 8,30 alle 13.

Inoltre, vista l'importanza della diagnosi precoce nel contrasto alla sclerodermia, durante le Giornate del Ciclamino, anche nelle Marche, gli ospedali del progetto "Ospedali aperti" effettueranno controlli gratuiti (visite e capillaroscopie) ai pazienti che ne faranno richiesta: venerdì 28 settembre, dalle ore 9 alle 12, agli Ospedali Riuniti di Ancona (presso la Sod Clinica Medica) e all'ospedale Profili di Fabriano (presso l'Uo di medicina interna).

Malattia rara e autoimmune, la sclerodermia (etimologicamente "pelle dura") o sclerosi sistemica è una patologia cronica, a eziologia sconosciuta, in cui la contemporanea presenza di anomalie del sistema immunitario e di alterazioni del distretto vascolare porta al progressivo sviluppo di fibrosi. Colpisce prevalentemente le donne e in Italia sono circa 25.000 le persone colpite dalla malattia. Può essere una malattia altamente invalidante, e ad oggi non esiste una terapia univoca e curativa: l'obiettivo principale nel trattamento è il rallentamento della sua progressione (fonte: www.sclerodermia.net).
Per questo, i fondi raccolti nelle Giornate del ciclamino 2018 saranno destinati a finanziare un bando da 50.000 euro per due progetti di ricerca scientifica sulla malattia.

L'associazione Gils opera principalmente per l'informazione, formazione e sensibilizzazione sulla sclerodermia, difesa dei diritti degli ammalati, promozione della ricerca scientifica, supporto dei malati e dei loro famigliari, attraverso un centro di ascolto, un medico specialista ed una psicologa, tutte figure professionali che rispondono in giorni stabiliti al num. verde 800 080266.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui