Menu
  • fb
  • flc
  • you
  • flc
A+ A A-

Legge sul fine vita e DAT, incontro pubblico a Montegranaro

Su iniziativa dell'associazione L'Abbraccio, un incontro pubblico, con esperti, per conoscere meglio la legge sul biotestamento e le Dat (Disposizioni anticipate di trattamento): venerdì 20 aprile alle h.20,45 all'auditorium Officina delle Arti a Montegranaro

MONTEGRANARO (Fm) - La legge sul fine vita o biotestamento (L. 219/2017) recante "Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento (Dat)" è ormai effettiva da fine gennaio 2018. Come spesso accade alle normative che si occupano di questioni etiche, complesse e delicate come questa, però, l'entrata in vigore della legge è solo l'inizio di un percorso che vede nell'informazione e nel dialogo tra esperti e cittadini l'elemento essenziale sia per una corretta applicazione della legge stessa, sia per scongiurare il pericolo che questa venga mistificata o misconosciuta.
É proprio il bisogno di avviare un dibattito su questi temi che ha spinto l'associazione di volontariato L'Abbraccio a promuovere l'incontro pubblico intitolato "Legge sul fine vita - Conoscere le dichiarazioni anticipate di trattamento per compiere scelte consapevoli", che si terrà venerdì 20 aprile, alle ore 20,45, presso l'auditorium Officina delle Arti a Montegranaro. L'iniziativa ha il patrocinio dell'Asur - Av 4, con alcune professionalità esperte tra i relatori, e del Comune di Montegranaro, che ha già istituito il Registro comunale per le DAT (Dichiarazioni Anticipate di Trattamento). Dopo i saluti introduttivi dell'associazione L'Abbraccio, del direttore Generale dell'Area Vasta 4 Licio Livini e del Sindaco di Montegranaro Ediana Mancini, interverranno diversi medici, tra cui anche due operatrici sanitarie (un medico palliativista e una psicologa psicoterapeuta) dell'ospedale Niguarda di Milano (per info e programma www.abbracciomontegranaro.it oppure 389 028 0930)
«Nell'invitare tutti i cittadini a partecipare - spiegano i promotori - ci preme porre l'attenzione sull'importante strumento delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento, che non devono essere ridotte a semplice espressione della volontà di "alleviare le sofferenze della malattia" perché al contrario, sono il prodotto di un percorso di consapevolezza personale che rende il cittadino, prima che il paziente, partecipe del proprio progetto di cura in qualunque direzione questo voglia svilupparsi: tanto nella sospensione di un eventuale accanimento terapeutico, quanto nella volontà di adottare ogni mezzo possibile per salvare e prolungare la propria vita, in qualunque condizione questa si presenti».

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui