Menu
  • fb
  • flc
  • you
  • flc
A+ A A-

March #overthefortress, in 200 verso la Grecia

Dall'Ambasciata dei Diritti riceviamo e pubblichiamo comunicato relativo a un'iniziativa di solidarietà in supporto ai migranti e contro gli accordi Ue-Turchia: il 25 marzo dal porto di Ancona salperà la #overthefortress March, per portare generi di prima necessità e allestire un punto di distribuzione al campo di Idomeni


ANCONA - Venerdì 25 marzo dal porto di Ancona salperà la #overthefortress March, un'iniziativa di solidarietà che dall'Italia arriverà fino al confine greco macedone.
La marcia, promossa dal Progetto Melting Pot, ha come obiettivo principale quello di supportare i migranti bloccati in Grecia e di denunciare l'attuazione del piano anti migranti dell'Unione e di quel regime dei confini che sta facendo diventare il paese ellenico "una prigione a cielo aperto". Le adesioni alla marcia sono moltissime: dagli attivisti dei centri sociali del Nord Est a quelli delle Marche, dalla Campagna Welcome Taranto agli Amici del Baobab di Roma fino alla Carovana Migranti di Torino e alle tante associazioni e persone impegnate a vario titolo nell'accoglienza, nelle pratiche sportive antirazziste e nelle scuole d'italiano (la lista completa in calce al comunicato).
Sono più di 200 le persone che hanno deciso di partire in un momento in cui avviene un'ulteriore svolta negativa e di chiusura nelle politiche europee in materia d'immigrazione e d'asilo. A distanza di 10 giorni dalla blindatura del confine con la Macedonia, che sta costringendo migliaia di uomini, donne e bambini a condizioni di vita disastrose nel campo di Idomeni, il vergognoso accordo tra l'Unione e Turchia ha definito chiaramente che non sarà più possibile richiedere asilo in Europa per tutti i migranti che entreranno attraverso il mar Egeo.
L'accordo che prevede inoltre respingimenti di massa in Turchia (peraltro proibiti dalla Convenzione dei Diritti Umani) rappresenta la crisi profonda e irreversibile di una governance europea che è morta nelle acque del Mar Egeo e del Mediterraneo, sprofondata nel fango di Idomeni, imbrigliata nel filo spinato di Röszke, annegata davanti alle coste di Lesvos, demolita dalle ruspe di Calais, ferita mentre scavalcava le recinzioni di Ceuta e Melilla.
Di fronte a questa Europa che, periodicamente, si ritrova a discutere nelle stanze asettiche a Bruxelles, stringendo le mani insanguinate di dittatori senza scrupoli e operando delle scelte indecenti, c'è però la potenza e la forza di chi pratica una nuova idea di Europa.
La campagna solidale #overthefortress vuole essere un pezzetto di quel mosaico della solidarietà composto da migliaia di volontari indipendenti che sono il laccio emostatico di questa Europa: salvando vite umane, accompagnandole e sostenendole lungo il loro viaggio, i volontari e gli attivisti presenti in tutte le zone di frontiera, non hanno solo restituito un minimo di dignità a chi esercita il proprio diritto alla fuga e alla vita, ma hanno impedito alla stessa Europa di morire dissanguata. Questi corpi che si sono messi in cammino, chi in maniera individuale, chi in modo collettivo o spontaneo, hanno incontrato in questi mesi i tanti corpi di migranti determinati a praticare materialmente un loro diritto, il diritto alla libertà.
I diritti i migranti se li sono ripresi ogni qualvolta hanno marciato a piedi sulle corsie delle autostrade o sui sentieri sterrati, assaltando le barriere dei valichi di Röszke e di Idomeni, e ogni giorno sfidando tutti e tutto, su imbarcazioni stracariche e disastrate, o aspettando per ore un pasto, una cura medica, nelle lunghe file della loro estenuante attesa.
Dopo mesi di staffetta solidale lungo la rotta balcanica il viaggio collettivo in Grecia sarà il momento con il quale costruire qualcosa di più grande, in grado di intensificare il lavoro di solidarietà e di rispondere in modo pubblico al cinismo e alla violenza delle politiche europee.
All'appello hanno, appunto, risposto oltre 200 persone da diverse città, anche europee, e molte altre avrebbero voluto partecipare. A questo si aggiunge la straordinaria solidarietà di tutti coloro che non potranno partire ma che hanno deciso di sostenere la campagna attraverso la raccolta di materiale utile o il crowdfunding.
La partenza principale sarà dal porto di Ancona, ma una delegazione partirà anche da quello di Bari e un furgone da Trieste percorrerà via terra la rotta dei Balcani. La marcia porterà generi di prima necessità e allestirà un punto di distribuzione al campo di Idomeni coordinandosi con le realtà autorganizzate presenti in loco per rendere il più efficace possibile il supporto ai migranti.
Tutti assieme per dire ancora una volta che questa non è l'Europa che vogliamo e che deve essere rispettato il diritto di fuga di tutti e tutte, vanno aperti dei canali umanitari sicuri e garantita un'accoglienza dignitosa.

Programma:

Venerdì 25 marzo
h. 11,30 Conferenza stampa presso Molo Santa Maria porto di Ancona
h. 13,30 Partenza traghetto

Sabato 26 marzo arrivo in Grecia
Idomeni confine Grecia - Repubblica di Macedonia
Allestimento point #overthefortress e distribuzione materiali raccolti

Domenica 27 marzo
Incontri con collettivi e associazioni greche che sostengono i migranti (programma in via di definizione)

Lunedì 28 marzo
h. 15.00 trasferimento verso il Porto di Igoumenitsa

Martedì 29 marzo
h. 16.30: sbarco ad Ancona
Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel. 3398102187 - 3403059657

Fonte: Ambasciata dei Diritti

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui