Menu
  • fb
  • flc
  • you
  • flc
A+ A A-

“La solidarietà non va in vacanza”

Dall'associazione L'Africa Chiama riceviamo e pubblichiamo comunicato relativo alla nuova campagna "La solidarietà non va in vacanza", per prevenire la trasmissione materno-fetale del virus da Hiv, e all'esperienza di volontariato internazionale di due giovani fanesi, volontari della onlus


FANO (Pu) - Due giovani fanesi, volontari de L'Africa Chiama, sono partiti per un viaggio di tre settimane in Zambia. Una scelta consapevole, un viaggio alternativo, con qualche incognita in più rispetto a quelli proposti dalle agenzie che consigliano rinomate località turistiche con svaghi, attrazioni ed escursioni molto affascinanti. Lorenzo Tamburini, ingegnere, e la fidanzata Francesca Fossi, neolaureata, dopo un periodo di riflessione hanno partecipare al corso di volontariato internazionale che l'associazione fanese organizza due volte all'anno, in aprile e ottobre presso l'Eremo di Monte Giove, e da quella esperienza hanno maturato la decisione di trascorrere un breve periodo in Zambia, nei centri avviati e sostenuti da oltre dieci anni da L'Africa Chiama. "È stata una sfida con me stesso e ora sono contento di aver programmato questo soggiorno in Zambia, dove potrò conoscere da vicino e vedere con i miei occhi i progetti umanitari de L'Africa Chiama, così sarò in grado anche di testimoniare i risultati raggiunti" – dice Lorenzo, mentre Francesca aggiunge "Ho voluto conseguire la laurea prima di partire e mi propongo di rendermi utile e disponibile per quanto posso dando una mano, anche se riceverò più di quello che potrò dare".
Due settimane si fermeranno nella periferia della capitale Lusaka, nella baraccopoli di Kanyama di oltre 200.000 abitanti, dove L'Africa Chiama ha costruito il Shalom center che comprende una scuola con 880 alunni, dalla prima alla dodicesima classe, un'aula di fisioterapia per l'integrazione scolastica e la riabilitazione di oltre 50 minori con varie disabilità, un poliambulatorio a cui si rivolgono mediamente 2.000 pazienti al mese, un orto che fornisce verdure alla mensa scolastica, una cooperativa di mamme per un pollaio e numerose attività di formazione per tutta la comunità. Nella terza settimana Francesca e Lorenzo si trasferiranno nella città di Ndola, dove con ammirevole dedizione da quasi due anni opera, come ostetrica e nutrizionista, nei 15 centri per bambini malnutriti e orfani dell'Aids de L'Africa Chiama, la volontaria fanese Clarice Ciarlantini.
Proprio per combattere l'Aids sul nascere l'associazione fanese ha lanciato in questi giorni un'importante richiesta di aiuto attraverso la campagna "La solidarietà non va in vacanza" per ostacolare la trasmissione del virus Hiv da future mamme sieropositive ai loro bimbi. In otto anni l'associazione ha seguito e salvato 1.240 persone, mamme e bambini, grazie all'aiuto di tantissimi sostenitori. Con soli 12 euro è possibile provvedere alle cure mensili per una mamma e il suo bambino.
Per ulteriori informazioni, consultare il sito della onlus.

Fonte: L'Africa Chiama

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui