Menu
  • fb
  • flc
  • you
  • flc
A+ A A-

La Rasscinema Libera.mente 2014 contro i pregiudizi

Torna a Fano, dal 24 al 28 novembre, presso la Sala verdi del Teatro della Fortuna, la rassegna cinematografica promossa da Libera.mente onlus, quest'anno sui diversi tratti del pregiudizio: cinque film, seguiti da dibattiti, performance artistiche, reading e due flash mob della campagna globale "One Billion Rising"

FANO (Pu) – Torna a Fano, dal 24 al 28 novembre presso la sala Verdi del Teatro della Fortuna, "Rasscinema Libera.mente", la rassegna cinematografica promossa dall'associazione di volontariato Libera.mente per sensibilizzare e promuovere cultura non solo intorno alla salute mentale, che è l'ambito d'attività della onlus, ma più in generale su tematiche di impegno sociale e civile. L'edizione di quest'anno infatti, la sesta, abbraccia un ventaglio di temi più ampio, sul filo conduttore "Il pregiudizio... questo sconosciuto", ed è promossa con il patrocinio di Provincia di Pesaro e Urbino, Comune di Fano, Consulta Cultura Fano, Ats n. 6, CSV Marche, Casa Godio, e le associazioni L'Arco, Alpha ed Elettra (ingresso libero): si delineeranno diversi tratti del pregiudizio - etnico, di genere, sessuale, sociale e disabilità/sessualità - con l'intento di superare questo quadro stereotipato e convenzionale, per tentare insieme di ri-costruirlo, anche con il supporto dei relatori ospiti, che si alterneranno al termine delle proiezioni per creare riflessioni e dibattiti.

RassCinema avrà inizio lunedì 24 novembre alle ore 21 con una videointervista al sociologo Franco Ferrarotti, sul tema del pregiudizio, e un reading a cura di Gessica Di Giacomo. Il primo film in programma sarà "Terraferma" di Emanuele Crialese, cui seguiranno gli interventi di Andrea Bellardinelli, coordinatore "Programma Italia" di Emergency e di Mounya Allali dell'associazione Nuovi Orizzonti, che argomenteranno il tema del pregiudizio etnico. Il secondo appuntamento sarà martedì 25 novembre, Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, e si aprirà alle ore 20,15, sotto il porticato del Teatro della Fortuna con il flash mob "Break The Chain" della campagna globale One Billion Rising. Subito dopo ci si sposterà nella sala Verdi per la performance di danza, a cura di Laura Mungherli, Presidente del "CenterStage Multieducational Community" di Pesaro, quindi la proiezione del film "Un giorno perfetto" diretto da Ferzan Özpetek. A seguire il contributo di Ilaria Vichi, esperta di violenza di genere, che introdurrà una delicatissima riflessione sul tema: "Amore e violenza... Storia di una coppia dei nostri giorni".

Mercoledi 26 sarà invece la giornata dedicata al mondo della scuola con la proiezione, alle ore 15, del film "Mine Vaganti" di Ferzan Ozpetek, il cui dibattito sarà condotto da Paolo Bonetti, professore di filosofia morale e di bioetica, con la relazione: "Il problema dell'affettività e il pregiudizio sessuale"; accompagnerà le sue riflessioni, il flauto di Barbara Pusineri. Giovedì 27, di nuovo alle ore 21, la pellicola in programma è "The Sessions – Gli incontri", di Ben Lewin, seguita dall'intervento di Maria Elena Ridolfi, psichiatra del Csm di Fano, sul tema "Sessualità e disabilità". Non mancherà un momento artistico, con il reading della poetessa Lilli Simbari, accompagnata dal cantautore Luca Vagnini.

Per l'ultimo appuntamento, venerdì 28 novembre, la rassegna si sposta presso la Casa Circondariale di Pesaro, dove alle ore 14 sarà proiettato il film "Cesare deve morire", di Paolo e Vittorio Taviani, seguito dall'intervento "Le voci di ognuno" tenuto da Pier Paolo Inserra, del Cild (Consorzio italiano libertà e diritti). A conclusione, con la partecipazione degli ospiti della Casa circondariale, sarà rappresentato un flash mob della campagna "One billion rising".

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui